Home | Ricerca | Alcuni impianti e attrezzature di laboratorio | Vessel-Mounted Acoustic Doppler Profiler - VM-ADP

Ricerca

Alcuni impianti e attrezzature di laboratorio


Vessel-Mounted Acoustic Doppler Profiler - VM-ADP


131


  • Profilatore di velocità acustico Doppler installato su un'imbarcazione (VM-ADP).


Profilatore correntometrico acustico Doppler installato su un'imbarcazione (Vessel-Mounted Acoustic Doppler Profiler, VM-ADP)

Si riportano nel seguito le principali caratteristiche del sistema in possesso.

Velocità:

  • Range di velocità: ±10m/s
  • Accuratezza: 1% del valore misurato ±0,5cm/s
  • Intervallo di tempo tra due acquisizioni consecutive: da 1s a diverse ore
  • Massima profondità: 50m (600kHz), in funzione delle condizioni locali
  • Dimensione delle celle di misura: da 0,4 a 2m
Minima distanza dalla correntometro a partire dalla quale è possibile misurare: 0,4m
Sensori:
  • Bussola
  • Inclinometro
  • Pressione (misuratore piezoresistivo, risoluzione maggiore dello 0,005% del fondo scala)
  • Temperatura (misuratore resistivo)
  • Due canali per l'uso di altri due sensori analogici.
Al fine di ottenere il valore vero della velocità della corrente marina, tutti i profilatori correntometrici acustici Doppler installati su imbarcazione devono sottrarre la velocità dell'imbarcazione stessa dal dato misurato. A tal fine si possono utilizzare due tecniche. Il metodo tradizionale è il cosiddetto "bottom tracking", una tecnica in cui il profilatore Doppler misura la velocità del fondale relativamente alla barca. La seconda tecnica si basa sull'utilizzo di una bussola giroscopica e di un DGPS al fine di misurare la velocità della barca. I vantaggi della seconda soluzione sono:

  • La profondità dell'acqua è irrilevante e il sistema è in grado di misurare sia in acque basse che profonde (il "bottom tracking" non funziona se il fondale si trova a profondità maggiore di quella massima definita dall'onda acustica del correntometro) 
  • Le condizioni del fondale ai fini della qualità del rilievo acustico sono irrilevanti (il "bottom tracking" non è in grado di funzionare se il rilievo acustico del fondale è indistinto)
  • In acque profonde è comunque possibile avere un'elevata risoluzione dei dati in prossimità della superficie (il "bottom tracking" richiede l'utilizzo di frequenze acustiche basse affinché l'impulso possa sempre raggiungere il fondale).
Sono necessarie le seguenti interfacce: 

  • ricevitore GPS: deve essere dotato di uscita su porta seriale. L'accuratezza della velocità rilevata dal GPS deve essere di 0,05 m/s o migliore (DGPS)
  • Bussola giroscopica: deve essere dotata di uscita su porta seriale e di un'accuratezza migliore di 1°. E' anche possibile l'uso combinato di bussola giroscopica e sistema GPS
  • Computer: deve avere almeno 3 porte seriali.

Stampa Stampa




Prof. Ing.
Michele Mossa
Professore Ordinario di Idraulica
(Politecnico di Bari)
Dottore di Ricerca in Ingegneria Idraulica per l'Ambiente e il Territorio


POLITECNICO DI BARI
DICATECh
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica
Via E. Orabona, 4 - 70125 Bari

www.dicatech.poliba.it

LIC
Laboratorio di Ingegneria Costiera
Area Universitaria di Valenzano
Strada Provinciale
Valenzano - Casamassima, Km 3, 70010 Valenzano, BA
www.poliba.it/lic