Home | Notizie ed eventi | Notizie | Articolo sul PRIN PNRR 2022 sul Sole 24 Ore

Notizie ed eventi

Notizie


giovedì 26 ottobre 2023

Articolo sul PRIN PNRR 2022 sul Sole 24 Ore


264


Il giorno 26 ottobre 2023 il Sole 24 ore ha pubblicato un articolo sull'energia da correnti e onde marine relativo al PRIN PNRR 2022 coordinato dal prof. Michele Mossa.
L'energia da onde e correnti rappresenta una delle frontiere più eccitanti e promettenti nell'ambito delle energie rinnovabili e dell'avanzamento scientifico. In un mondo sempre più gravato da problemi legati alle fonti di energia tradizionali, come l'esaurimento dei combustibili fossili e l'incremento delle emissioni di gas serra, la ricerca e lo sviluppo nell'ambito dell'energia da onde e correnti offrono una soluzione innovativa e sostenibile. Questa forma di energia trae ispirazione direttamente dalla natura, sfruttando il movimento perpetuo degli oceani per generare potenza.
Il potenziale delle onde oceaniche e delle correnti marine è immenso. Gli oceani coprono oltre il 70% della superficie terrestre e il loro costante movimento rappresenta una fonte di energia praticamente infinita. Ciò significa che l'energia da onde e correnti potrebbe fornire una quantità significativa di elettricità pulita e sostenibile per le nostre esigenze globali. Tuttavia, per realizzare appieno questo potenziale, lo sviluppo scientifico in corso è di cruciale importanza.
Una delle sfide principali nella ricerca sull'energia da onde e correnti è l'ingegnerizzazione di dispositivi affidabili ed efficienti per catturare e convertire l'energia marina in elettricità. Esistono vari approcci, tra cui turbine subacquee, generatori lineari, sistemi di boe oscillanti e altro. Ciascun approccio ha vantaggi e svantaggi, ma c'è ancora spazio per significativi miglioramenti. Scienziati ed ingegneri stanno lavorando per ottimizzare la progettazione e l'implementazione di questi dispositivi al fine di massimizzare la produzione di energia, ridurre i costi di manutenzione e minimizzare l'impatto ambientale.
Inoltre, la ricerca scientifica è incentrata sull'individuazione delle migliori posizioni per la generazione di energia da onde e correnti. Gli oceani del mondo differiscono notevolmente per condizioni idrologiche e geografiche, pertanto è essenziale comprendere le correnti marine, le onde e le dinamiche del fondale marino per individuare i siti ideali per la produzione di energia. Modelli predittivi avanzati e l'impiego di tecnologie di rilevamento marino stanno contribuendo all'ottimizzazione della selezione dei siti.
Un altro aspetto fondamentale della ricerca sull'energia da onde e correnti è l'impatto ambientale. È essenziale garantire che la produzione di energia marina non influisca negativamente sugli ecosistemi marini, sulla fauna e sulla pesca. Gli scienziati stanno lavorando per comprendere come mitigare tali impatti potenziali e sviluppare efficaci sistemi di monitoraggio ambientale.
La ricerca scientifica in corso comprende anche lo studio delle infrastrutture energetiche a lungo termine. L'ambiente marino è notoriamente ostile, con acqua salina corrosiva, tempeste violente e rischi di collisione con navi e fauna marina. Pertanto, lo sviluppo di materiali e tecnologie resistenti e duraturi è cruciale per garantire il successo a lungo termine di tali impianti.
L'integrazione dell'energia da onde e correnti nelle reti elettriche esistenti rappresenta un altro importante settore di ricerca. Poiché questa fonte di energia è intrinsecamente intermittente e variabile, sono necessari sistemi avanzati di stoccaggio energetico e soluzioni di integrazione intelligente nella rete. La ricerca in questo settore mira a garantire che l'energia marina possa contribuire in modo affidabile all'approvvigionamento elettrico.
L'energia da onde e correnti può essere particolarmente vantaggiosa in regioni costiere e insulari con una elevata dipendenza dall'importazione di combustibili fossili. Questa fonte di energia può diversificare l'approvvigionamento energetico, aumentare la sicurezza energetica e ridurre l'impatto ambientale.
Una sfida fondamentale per il futuro è la riduzione dei costi di produzione dell'energia da onde e correnti. Attualmente, questa tecnologia è spesso costosa rispetto alle fonti di energia tradizionali, ma il progresso scientifico e tecnologico può contribuire a renderla più competitiva. L'ottimizzazione dei processi produttivi, l'innovazione nei materiali e l'incremento della scala delle operazioni rappresentano tutti percorsi per la riduzione dei costi.
In sintesi, l'energia da onde e correnti è un campo di ricerca in continua evoluzione con un potenziale enorme. Scienza ed ingegneria stanno lavorando insieme per affrontare le sfide tecniche, ambientali ed economiche associate a questa forma di energia rinnovabile. Con ulteriori sviluppi, potrebbe diventare una componente fondamentale della nostra futura rete energetica, contribuendo in modo significativo alla lotta contro il cambiamento climatico e alla creazione di un futuro sostenibile.

Stampa Stampa




Prof. Ing.
Michele Mossa
Professore Ordinario di Idraulica
(Politecnico di Bari)
Dottore di Ricerca in Ingegneria Idraulica per l'Ambiente e il Territorio


POLITECNICO DI BARI
DICATECh
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica
Via E. Orabona, 4 - 70125 Bari

www.dicatech.poliba.it

LIC
Laboratorio di Ingegneria Costiera
Area Universitaria di Valenzano
Strada Provinciale
Valenzano - Casamassima, Km 3, 70010 Valenzano, BA
www.poliba.it/lic